Il nuovo Censimento della popolazione e delle abitazioni
03/10/2018
immagine news

Da ottobre parte il nuovo censimento permanente della popolazione e delle abitazioni, che da decennale diventa annuale. Un cambiamento che fornirà informazioni utili per le istituzioni, per le politiche economiche e sociali, per sapere leggere e valutare in modo tempestivo l’evoluzione del nostro Paese e saper guardare al futuro. Il nuovo censimento, infatti, produrrà annualmente i dati di base per comprendere e intervenire più efficacemente sulla soddisfazione dei bisogni degli individui e delle famiglie nelle diverse fasi della vita e per programmare e gestire i servizi sul territorio.

Tutti i cittadini verranno adeguatamente informati, attraverso una campagna di comunicazione che si articolerà su più fronti a partire dal mese di ottobre.

La rilevazione si articolerà in 3 fasi distinte; ciascuna di queste fasi, sebbene sia strettamente connessa con la fase successiva, si configura come una rilevazione a sé stante.

Nella prima fase
(Ricognizione preliminare dell’area di rilevazione e verifica del territorio) il rilevatore, fornito dell’elenco di indirizzi/sezioni campione, effettua una prima ricognizione finalizzata a conoscere il territorio, verificare e validare gli indirizzi/sezioni assegnati/e, affiggere le locandine, distribuire le lettere informative nelle cassette postali.

Nella seconda fase
(Porta a porta) il rilevatore si reca presso gli indirizzi validati nella fase precedente al fine di intervistare tutte le persone dimoranti abitualmente in famiglia presso gli indirizzi validati e tutte le abitazioni esistenti negli stessi indirizzi.

Nella terza fase
(Verifica della lista di individui), conclusa la rilevazione del porta a porta, per un sottoinsieme di individui andranno effettuate verifiche presso gli uffici comunali e sul territorio al fine di sanare alcune incongruenze emerse in fase di validazione automatica dei dati.

L’intervista verrà condotta esclusivamente dal rilevatore che effettuerà l’intervista con un tablet fornito dall’Istat. Il rilevatore comunale dotato di tesserino identificativo, si recherà presso le abitazioni ("porta a porta") e compilerà il questionario intervistando personalmente la famiglia.

Partecipare alla rilevazione è un onore ma anche un obbligo sancito da norme europee (regolamento europeo n. 763/2008) e nazionali (art. 7 del Decreto Lgs. 322/1989) che sanzionano in via amministrativa e pecuniaria la mancata cooperazione, decorso il termine ultimo fissato per l’intervista.

(Si rassicura che tutte le informazioni raccolte sono trattate nel rispetto della normativa in materia di tutela del segreto statistico e di protezione dei dati personali (art. 9 D.lgs. n. 322/1989/ Reg. UE 2016/679 e D.lgs 196/2003) pertanto non sarà possibile risalire ai soggetti cui si riferiscono in quanto i risultati saranno diffusi in forma aggregata).