Il Sindaco, Massimo Cariello, ha incontrato i lavoratori della ex Multiservizi
13/08/2015
immagine news

I lavoratori licenziati della ex Multiservizi hanno incontrato questa mattina il sindaco di Eboli, Massimo Cariello. Un incontro che è servito a rassicurare i lavoratori sull’impegno diretto del primo cittadino di Eboli a sostegno dell’occupazione e dei servizi nella città, dopo le macerie conseguenti alle fallimentari gestioni di Multiservizi che hanno portato alla chiusura della società ed al licenziamento dei lavoratori. Il sindaco di Eboli ha ribadito per l’ennesima volta l’intenzione dell’Amministrazione comunale di non abbandonare i lavoratori e di puntare a garantire i servizi ai cittadini, senza vuote solidarietà di facciata, ma con atti concreti. Cariello ha anche sottolineato come ogni passaggio sarà realizzato nel pieno rispetto delle normative vigenti, a partire dagli avvisi pubblici per la gestione dei principali servizi. Si guarda soprattutto all’affidamento della gestione del Palasele e della gestione dei parcheggi pubblici. L’obiettivo del sindaco Cariello, naturalmente pienamente condiviso dai lavoratori licenziati, è la possibilità di inserire nei contratti di affidamento la cosiddetta clausola sociale, la condizione che salvaguarderebbe l’assunzione dei lavoratori licenziati nelle nuove formazioni aziendali che assumessero la gestione dei servizi. Una clausola possibile attraverso precisi percorsi burocratici che non solo il Comune, ma anche i rappresentanti dei lavoratori dovranno tentare di portare avanti. «Non abbandoniamo per strada nessuno – commenta il sindaco Massimo Cariello -. Conosciamo i disastri che ci hanno lasciato ed i lavoratori sanno in quale situazione drammatica i nostri predecessori li hanno costretti. Stiamo facendo il possibile per tentare di salvaguardare, contemporaneamente, sia l’occupazione, sia i servizi per i cittadini. Pensiamo che vi siano le condizioni per farlo, ma naturalmente solo attraverso percorsi chiari e trasparenti, a differenza del passato. Stiamo studiando come muoverci, ma sono certo che nel giro di pochi mesi potremo andare all’affidamento per i servizi principali».
 
Eboli, 13 agosto 2015